Marco Atti. Cartolina di Rignano - Chiesa di San Cassiano

Oggi propongo un'altra vecchia cartolina riguardante Rignano, una delle due frazioni di Monterenzio che guardano la vallata del Sillaro; l'altra frazione è Sassonero. La cartolina, che appartiene alla mia collezione, ritrae la Chiesa di San Cassiano, sita in località San Clemente

In realtà, piu che una vera e propria cartolina, si tratta di una fotografia spedita a mo' di cartolina. La riprova di ciò che scrivo è sul dorso della foto. Su di esso non è stampata la classica ripartizione di una cartolina, (divisione in due spazi: a sinistra la comunicazione, a destra l'indirizzo e l'affrancatura). Il mittente ha tracciato con la propria panna la divisione verticale del dorso, la stessa penna usata per scrivere il messaggio e l'indirizzo di destinazione.

La data di spedizione risale al 2 agosto 1957. E' stata inviata da Rignano con destinazione Rivarolo Ligure (GE).

Tutte le cartoline pubblicate in precedenza, sono visibili nella sezione A'marcord --> Vecchie cartoline.

 

Rignano Chiesa-San-Clemente

  • Chiesa San Cassiano di Rignano San Clemente (In località San Clemente di Rignano) 
    Fotografia viaggiata come cartolina (Foto Almo) - Dorso diviso a penna dal mittente
    Cartolina viaggiata - anno 1957
    (Collezione Atti)

 

 

 

Puoi vedere le altre cartoline già pubblicate, su Monterenzio e le sue frazioni, cliccando sui nomi sotto riportati

 

 


 

I Minerali delle Ofioliti

 
Guido Pedroni - Leonardo Rosciglione - Maurizio Varoli - Claudio Baratta
"I Minerali delle Ofioliti nell'Appennino Bolognese e Modenese"

L’Appennino è un luogo d’incanto. Può capitare, percorrendo le sue strade a bordo di un automezzo, di osservarlo in modo distratto. Basta poco però, basta prendersi un po’ di tempo, rallentare, allontanarsi di poco dai grigi e monotoni nastri d’asfalto, per scoprire paesaggi inconsueti, fuori dal tempo.

Basta addentrarsi nella natura, percorrendo sentieri appena segnati, per compiere un viaggio a ritroso nel tempo. Un viaggio che riporta indietro di milioni di anni quando violenti sommovimenti orogenetici portarono quello che chiamiamo Appennino ad emergere dalla superficie del mare.

Milioni di anni nel corso dei quali si susseguirono mutamenti climatici estremi e poi, quando tutto si calmò, lo scorrere delle acque, il vento, il sole e il gelo erosero, scavarono e modellarono questo territorio, rendendolo unico.

Allora può capitare, con sorpresa, di scoprire rocce inglobanti conchiglie fossili e, se più esperti di geologia e appassionati ricercatori o collezionisti, di rinvenire minerali particolari ed affascinanti con nomi quali: Azzurrite, Bornite, Calcopirite, Cinabro, Cuprite, Ematite, Millerite, Pirite, Quarzo, Rame. (Sono solo alcuni dei tanti minerali che trovate ben descritti nelle pagine di questo libro).

E magari, proprio in conseguenza della lettura del libro che vi propongo, potrebbe nascere in voi una nuova passione. Potrebbe essere l'inizio ad una nuova avventura.

Il libro I Minerali delle Ofioliti nell'Appennino Bolognese e Modenese, del quale mostro la copertina, è stato scritto a più mani. Ogni autore ha curato aspetti diversi dell’Appennino bolognese e modenese, pur restando nel campo circoscritto dal titolo del libro, quello dei “Minerali delle Ofioliti”.

A questo punto, se non conoscete le Ofioliti, forse vi chiederete: “Cosa sono le Ofioliti? Dove si possono vedere?” Le Ofioliti sono brandelli di crosta oceanica e del suo mantello sottostante che, sradicati da forze immani, vennero mescolati assieme ad altri sedimenti e sovrapposti sul dorso della crosta continentale, dove restarono intrappolate. Quando la crosta emerse dalle acque le portò con sé.

Potete vederne alcune, senza dovere fare molta strada, sul nostro territorio nella vallata del Sillaro, nelle vicinanze di Villa di Sassonero. Sono l’Ofiolite del Rio delle Ossa e quella più grande del Sassonero. Le noterete facilmente perché la loro conformazione le fa apparire completamente estranee alla superficie circostante che le ospita, sembrano evidentemente fuori posto. Presentano colorazioni scure, nero-verdastre, rosso bruno e hanno dimensioni variabili.

Altre Ofioliti sono dislocate appena oltre i confini del territorio comunale e sono facilmente raggiungibili. Si chiamano: Sasso di Castro, Monte Beni, Monte Gurlano, Sasso della Mantesca, Sasso San Zenobi, Rocca di Cavrenno.

Leggendo il libro apprenderete non solo molte informazioni sulle Ofioliti ma troverete anche notizie sulla storia del nostro territorio. L’intero terzo capitolo riguarda le vicende minerarie della provincia di Bologna. Conoscerete così la storia delle miniere di Bisano e Sassonero. Vengono inoltre citate ricerche effettuate in località di minore importanza, Pianelle, Fenarina, Fontanelle.

I quattro autori che lo hanno scritto vi accompagneranno alla scoperta di un mondo meraviglioso che è sempre stato lì, davanti ai vostri occhi. Per scoprirlo sarebbe bastato sapere guardarsi attorno.

Buona lettura




copertina-I Minerali delle Ofioliti nell'Appennino Bolognese e Modenese

 

  • L'immagine riproduce la copertina del libro
    © Copyright 1996 Tutti i diritti sono riservati

 


Vedi la scheda del libro

 

 


 

Marco Atti. Cartolina di Rignano - Spaccio di S. Clemente

Oggi propongo una vecchie cartolina di Rignano, che apparteniene alla mia collezione. Ritrae lo spaccio di San Clemente. E' stata realizzate utilizzando una fotografia. La cartolina è stata spedita nel 1967 da Rignano per Sant'Eufemia Lamezia, una delle circoscrizioni comunali di Lamezia Terme (CZ). Era indirizzata ad un militare.

Tutte le cartoline pubblicate in precedenza, sono visibili nella sezione A'marcord --> Vecchie cartoline.

 

Rignano - Spaccio di San Clemente

  • Spaccio S. Clemente (In località San Clemente di Rignano)
    Cartolina ricavata da fotografia (Foto Almo)
    Cartolina viaggiata - anno 1967
    (Collezione Atti)

 

 

 

Puoi vedere le altre cartoline già pubblicate, su Monterenzio e le sue frazioni, cliccando sui nomi sotto riportati

 

 


 

Cartolina di guerra per Monterenzio.

Cartolina Postale di guerra per Adalgisa Martelli, Monterenzio.
Spedita il 6 giugno 1943.

La cartolina postale che pubblico qui sotto, di colore giallo ocra e molto schematica, è una delle tante stampate ad uso dei militari per permettere loro di comunicare ai famigliari il loro stato di salute e la loro condizione, di prigionieri o feriti.
Cartoline così furono stampate in quantità industriale, tanti erano i soldati prigionieri e feriti.

Quella che vi mostro proviene da un campo di prigionia, realizzato appositamente dagli inglesi per contenere solo soldati italiani.

Il 6 giugno del 1943 il soldato Gino Martelli inviava a Monterenzio questa cartolina. La destinataria era Adalgisa Martelli.

Non conosco il grado di parentela che intercorreva fra loro. Adalgisa poteva essere la madre, la moglie oppure una sorella. Quello che so è che voleva farle sapere che era prigioniero degli inglesi e stava bene, come è evidente nel testo stampato sul dorso. La scritta "io sono leggermente ferito" è stata barrata.

La catolina è giunta a Monterenzio il 31 agosto 1943.

Ho cercato ad approfondire la ricerca sul militare che l'ha spedita. Purtroppo, per il momento, non ho trovato sue notizie ma non mi do per vinto e continuerò in questa ricerca.

In caso di nuove notizie, che spero di trovare presto, aggiornerò la pagina.

Martelli-Gino-cartolina di prigionia-a

 

Martelli-Gino-cartolina di prigionia-b

 

  • L'immagine riproduce la cartolina postale del 1943
    scritta da un soldato italiano prigioniero di guerra degli inglesi e inviata a Monterenzio
    (Collezione Atti)

  


 

Miniassegni

1975-1978 Nascita e morte di una moneta parallela.

Qualche giorno fa, risistemando il mio archivio di materiale riguardante Monterenzio, mi sono capitati in mano alcuni foglietti di carta stampata che mi hanno riportato indietro nel tempo, agli anni della mia gioventù, gli anni ’70. Molti miei coetanei si ricorderanno di averli utilizzati. Erano chiamati miniassegni". Guardate sotto, non sembrano i soldi del Monopoli?

Negli anni ’70, la nostra economia nazionale era scossa da una inflazione galoppante. Lo stato italiano aveva emesso una grande quantità di moneta cartacea ma una quantità insufficiente di moneta metallica.

Di fatto, quando si andava a fare la spesa, a fronte del pagamento con banconote, i negozianti faticavano a dare il resto in moneta e, in sostituzione degli introvabili spiccioli, usavano caramelle, buonissime quelle alla menta che aveva il droghiere sotto casa, gomme da masticare, cioccolatini, gettoni telefonici o francobolli.

Il perdurare della scarsità di moneta metallica circolante, il disagio della popolazione, la pressione delle associazioni dei commercianti nei confronti delle banche, fecero si che numerose di queste ultime emettessero quelli che vennero definiti con il nome di “miniassegni”.

Il primo istituto ad emettere i “miniassegni” fu l’lstituto Bancario San Paolo di Torino e, visto l’immediato successo che ottenne questa nuova forma di moneta, venne seguito a ruota da molte altre banche.

I “miniassegni” derivano il loro nome dalla loro dimensione ridotta rispetto ai loro fratelli maggiori, gli assegni. A seconda della tipologia, misuravano da 11 a 21 cm. di lunghezza e da 6 a 5,8 cm. di altezza.

Erano assegni circolari di piccolo importo, dal valore di 50, 100, 150, 200, 250, 300, 350 lire. Venivano scambiati di mano in mano come vera e propria moneta corrente. Dal 1975 al 1978 ne furono stampati tantissimi e di tipi diversi. Alcune stime parlano di 835 tipi equivalenti ad un valore di oltre 200 miliardi di lire.

Purtroppo, per la pessima qualità della carta utilizzata, moltissimi “miniassegni” andarono distrutti e tanti altri finirono in mano a collezionisti.

Da notare che, alla stregua della carta moneta legale, i “miniassegni” ricevettero anche l’attenzione dei falsari. I falsi sono caratterizzati da colori diversi rispetto alle emissioni originali o intestati a banche inesistenti.

I “miniassegni” furono emessi fino al 1978, quando lo stato riuscì a riequilibrare il rapporto tra moneta cartacea e moneta metallica, poi sparirono dalla circolazione. Oggi rimangono nella memoria dei più vecchi ed in quella dei collezionisti.

Miniassegni che sono legati ad attività commerciali del nostro territorio sono stati emessi dall’ICCREA (Istituto di credito delle Casse Rurali e Artigiane). Ne potete vedere quattro risalenti all’anno 1977 riprodotti qui sotto in vista fronte e retro.

NB: La pagina è in costante aggiornamento.

miniass alb-rist-querceto-1977-a 600x355 Miniassegno Albergo Ristorante Querceto-San Benedetto del Querceto-1977

 

 

 

 

 

 

  • L'immagine riproduce un miniassegno del 1977
    emesso dall'ICCREA a nome dell'Albergo Ristorante Querceto a San Benedetto del Querceto
    (Collezione Atti)

 

Miniassegno Pasticceria Tattini-Bisano-1977 Miniassegno Pasticceria Tattini-Bisano-1977

 

 

 

 

 

  

  • L'immagine riproduce un miniassegno del 1977
    emesso dall'ICCREA a nome della Pasticceria Tattini a Bisano
    (Collezione Atti)

 

miniass manegg-gianni 1977-a 600x355 miniass manegg-gianni 1977-b 600x355

 

 

 

 

 

  

  • L'immagine riproduce un miniassegno del 1977
    emesso dall'ICCREA a nome del Maneggio "Da Gianni" Monterenzio
    NB: In realtà il Maneggio da Gianni si trova nel comune di Pianoro
    (Collezione Atti)

 

miniass macell-Montebugnoli Bruno a 600x355 miniass macell-Montebugnoli Bruno b 600x355

 

 

 

 

 

  

  • L'immagine riproduce un miniassegno del 1977
    emesso dall'ICCREA a nome della Macelleria Montebugnoli Bruno Monterenzio
    (Inviato dal Sig. Massimo Palermo e pubblicato per sua gentile concessione)

 


 

Pagina 6 di 20

«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

A M'ARCORD

Il baule dei ricordi

Vecchie cartoline, foto ingiallite dal tempo, foto di guerra, strumenti di lavoro, oggetti del tempo passato...
Riaffiorano i ricordi

 

venti

separatore

 spunta_foto 13 Novembre 2014

"Pro Loco Monterenzio. Assemblea informativa"

Presso la sala consiliare del Municipio di Monterenzio
Via Idice 1
alle ore 20,30

Incontro pubblico informativo "Pro Loco Monterenzio: Sviluppi e possibilità"

Vedi il volantino dell'evento

separatore

 spunta_foto 8 Novembre 2014

"Pattinaggio Monterenzio Saggio d'Autunno"

Presso la palestra Menestrina di Monterenzio
Via Idice 220
alle ore 20,00

Le atlete di "Pattinaggio Monterenzio" 
presentano 

Saggio d'autunno

Vedi il volantino dell'evento

separatore

 spunta_foto 8 Novembre 2014

"30 anni di Pubblica Assistenza"

Presso la sede della Pubblica Assistenza di Monterenzio
alle ore 16,00

La Pubblica Assistenza invita la cittadinanza,
a festeggiare i 

30 Anni di Pubblica Assistenza

Vedi il volantino dell'evento

separatore

 spunta_foto 8 e 9 Novembre 2014

"Festa dei marroni e Mercato contadino"

Presso la Palestra Comunale di Monterenzio

La Polisportiva,
con il patrocinio del Comune di Monterenzio

Vi invita a partecipare alla 

Festa dei marroni e Mercato contadino

Vedi il volantino dell'evento

separatore

icona_archivio_eventiArchivio Eventi

spiti

spunta_fotoDenise Bartoli
Aiutiamo Denise

spunta_fotoEdmondo Gaibazzi
Una bellissima cartolina

spunta_fotoFranco Gamberini
Una bellissima cartolina

separatore
spunta_fotoVanni Lazzari
Due bellissime foto di Vanni

separatore
spunta_fotoRoberto Licciardello
Una bellissima foto di Roberto

separatore
spunta_fotoFausto Malpensa
Alcune belle cartoline

separatore
spunta_fotoMatteo Mazzetti
Una bellissima foto di Matteo

separatore
spunta_fotoErmes Pinotti
Bellissime cartoline

separatore
spunta_fotoChi sarà il prossimo?
Forza ragazzi

separatore

icona_archivio_ospitiArchivio Ospiti

oto

spunta_foto Marco Atti
Alcune foto di Marco
separatore
spunta_foto Valeria Bragaglia
Alcune foto di Valeria
separatore
spunta_foto Carmelina Grosso
Alcune foto di Carmelina
separatore
spunta_foto Mauro Muscioni
Alcune foto di Mauro
separatore
spunta_foto Enrico Pitocco
Alcune foto di Enrico
separatore
New Cinzia Ruscelli
Alcune foto di Cinzia
separatore
spunta_foto Fabrizio Santi
Alcune foto di Fabrizio
separatore
spunta_foto Giovanni Oscar Urso
Alcune foto di Giovanni
separatore

icona_archivio_fotoArchivio Foto

icerca

alendario

Settembre 2023
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

eteo

26°C
Monterenzio
Nubi sparse e schiarite
Umidità: 58%
Vento: 7.6 nodi NNE
Mer

27°C
Gio

27°C
Ven

27°C
Sab

29°C
© 2022 MONTERENZIOIN.IT, TUTTI I DIRITTI RISERVATI - BY MARCO ATTI - CREDITI E RINGRAZIAMENTI - Privacy Policy

logo