24 maggio 1915. Cento anni fa l'Italia entrava in guerra

 
24 Maggio 1915. Cento anni fa l'Italia entrava in guerra

 

Oggi ricorre un triste anniversario. Cento anni fa l'Italia entrava in guerra.

La causa scatenante del primo conflitto mondiale fu l'attentato di Sarajevo, avvenuto il 28 Giugno 1914, nel quale perì l'arciduca d'Austria Francesco Ferdinando.

A seguito di ciò, seguirono le dichiarazioni di guerra che contrapposero inizialmente Austria e Germania a Serbia, Francia, Inghilterra, Russia ed altre nazioni.

L'Italia rimase neutrale fino al 23 maggio 1915, quando il Duca D’Avarna, ambasciatore d’Italia a Vienna, presentò al Ministro degli Esteri austroungarico la dichiarazione di guerra.

Il giorno seguente, 24 maggio 1915, il Re Vittorio Emanuele III emanò il seguente ordine del giorno.

 

" Soldati di Terra e di Mare L'ora solenne delle rivendicazioni nazionali è suonata.

Seguendo l'esempio del mio Grande Avo, assumo oggi il comando supremo delle forze di terra e di mare con sicura fede nella vittoria, che il vostro valore, la vostra abnegazione, la vostra disciplina sapranno conseguire.

Il nemico che vi accingete a combattere è agguerrito e degno di voi. Favorito dal terreno e dai sapienti apprestamenti dell'arte, egli vi opporrà tenace resistenza, ma il vostro indomito slancio saprà di certo superarlo.

Soldati A voi la gloria di piantare il tricolore d'Italia sui termini sacri che la natura pose ai confini della Patria nostra. A voi la gloria di compiere, finalmente, l'opera con tanto eroismo iniziata dai nostri padri."

Questo proclama, segnò l'ingresso dell'Italia nel conflitto mondiale

 

Soldati a quota 76 sul Carso

Soldati a quota 76 sul Carso (collocazione Fototeca inv. CMSA_F_009475)

 

Si trattò di una guerra che provocò milioni di vittime, fra morti, feriti, mutilati, invalidi, internati nei campi di prigionia, dispersi.

Ancora oggi, dopo tante ricerche e tanti studi, non è possibile fornire dati certi riguardanti le vittime di questa follia.

Per quanto riguarda l'Italia, stime approsimative parlano di 650.000 militari e circa 600.000 vittime civili (Dato preso da http://www.governo.it/Notizie/Presidenza/dettaglio.asp?d=78555)

Cominciava così, per il nostro paese, un conflitto che termino il 4 novembre 1918.

Di seguito il Bollettino di guerra n. 1268, diramato dal Generale Armando Diaz, che sanciva la fine della guerra.

 

Comando Supremo, 4 Novembre 1918, ore 12

La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida
di S.M. il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per
numero e per mezzi, iniziò il 24 Maggio 1915 e con fede incrollabile
e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima
per 41 mesi è vinta.

La gigantesca battaglia ingaggiata il 24 dello scorso Ottobre ed alla
quale prendevano parte cinquantuno divisioni italiane, tre britanniche,
due francesi, una cecoslovacca ed un reggimento americano, contro
settantatre divisioni austroungariche, è finita.

La fulminea arditissima avanzata su Trento del XXIX corpo
della I armata, sbarrando le vie della ritirata alle armate
nemiche del Trentino, travolte ad occidente dalle truppe della
VII armata e ad oriente da quelle della I, VI e IV, ha determinato
ieri lo sfacelo totale del fronte avversario.

Dal Brenta al Torre l'irresistibile slancio della XII, dell'VIII
e della X armata e delle divisioni di cavalleria, ricaccia sempre
più indietro il nemico fuggente.

Nella pianura, S.A.R. il Duca d'Aosta avanza rapidamente alla
testa della sua invitta III armata, anelante di ritornare sulle
posizioni da essa già gloriosamente conquistate, che mai aveva
perdute.

L'Esercito Austro-Ungarico è annientato: esso ha subito perdite
gravissime nell'accanita resistenza dei primi giorni di lotta
e nell'inseguimento ha perdute quantità ingentissime di materiali
d'ogni sorta e pressoché per intero i suoi magazzini e i
depositi ha lasciato finora nelle nostre mani circa 300.000
prigionieri con interi stati maggiori e non meno di 5000 cannoni.

I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del
mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli
che avevano disceso con orgogliosa sicurezza.

Armando Diaz

In occasione della triste ricorrenza del centesimo anniversario dell'inizio della “Grande Guerra”, queste pagine vogliono essere un sentito omaggio a quanti, padri di famiglia, figli, mariti, hanno dato in sacrificio la propria vita, con l’intento di lasciarci un mondo migliore.

Un pensiero particolare va ai caduti di Monterenzio, i cui nomi sono riportati sulle due lapidi che sono collocate all’interno del nostro municipio, in alto a sinistra e a destra, appena all’interno della portone d’ingresso.


Concludo ringraziando la Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste per avere fornito e permesso la pubblicazione della bella e drammatica foto sopra riprodotta.

Marco Atti

Vedi l'articolo: Monterenzio - I caduti nella Grande Guerra

Vedi l'articolo: 1914-2014: Centenario della Grande Guerra

Vedi l'articolo: Cartoline della Grande Guerra

 


A M'ARCORD

Il baule dei ricordi

Vecchie cartoline, foto ingiallite dal tempo, foto di guerra, strumenti di lavoro, oggetti del tempo passato...
Riaffiorano i ricordi

 

venti

separatore

 spunta_foto 13 Novembre 2014

"Pro Loco Monterenzio. Assemblea informativa"

Presso la sala consiliare del Municipio di Monterenzio
Via Idice 1
alle ore 20,30

Incontro pubblico informativo "Pro Loco Monterenzio: Sviluppi e possibilità"

Vedi il volantino dell'evento

separatore

 spunta_foto 8 Novembre 2014

"Pattinaggio Monterenzio Saggio d'Autunno"

Presso la palestra Menestrina di Monterenzio
Via Idice 220
alle ore 20,00

Le atlete di "Pattinaggio Monterenzio" 
presentano 

Saggio d'autunno

Vedi il volantino dell'evento

separatore

 spunta_foto 8 Novembre 2014

"30 anni di Pubblica Assistenza"

Presso la sede della Pubblica Assistenza di Monterenzio
alle ore 16,00

La Pubblica Assistenza invita la cittadinanza,
a festeggiare i 

30 Anni di Pubblica Assistenza

Vedi il volantino dell'evento

separatore

 spunta_foto 8 e 9 Novembre 2014

"Festa dei marroni e Mercato contadino"

Presso la Palestra Comunale di Monterenzio

La Polisportiva,
con il patrocinio del Comune di Monterenzio

Vi invita a partecipare alla 

Festa dei marroni e Mercato contadino

Vedi il volantino dell'evento

separatore

icona_archivio_eventiArchivio Eventi

spiti

spunta_fotoDenise Bartoli
Aiutiamo Denise

spunta_fotoEdmondo Gaibazzi
Una bellissima cartolina

separatore
spunta_fotoVanni Lazzari
Due bellissime foto di Vanni

separatore
spunta_fotoRoberto Licciardello
Una bellissima foto di Roberto

separatore
spunta_fotoFausto Malpensa
Alcune belle cartoline

separatore
spunta_fotoMatteo Mazzetti
Una bellissima foto di Matteo

separatore
spunta_fotoErmes Pinotti
Bellissime cartoline

separatore
spunta_fotoChi sarà il prossimo?
Forza ragazzi

separatore

icona_archivio_ospitiArchivio Ospiti

oto

spunta_foto Marco Atti
Alcune foto di Marco
separatore
spunta_foto Valeria Bragaglia
Alcune foto di Valeria
separatore
spunta_foto Carmelina Grosso
Alcune foto di Carmelina
separatore
spunta_foto Mauro Muscioni
Alcune foto di Mauro
separatore
spunta_foto Enrico Pitocco
Alcune foto di Enrico
separatore
New Cinzia Ruscelli
Alcune foto di Cinzia
separatore
spunta_foto Fabrizio Santi
Alcune foto di Fabrizio
separatore
spunta_foto Giovanni Oscar Urso
Alcune foto di Giovanni
separatore

icona_archivio_fotoArchivio Foto

icerca

alendario

Giugno 2017
DLMMGVS
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

eteo

36°C
Monterenzio
Sereno con innocue velature
Umidità: 43%
Vento: 10 nodi SO
Sab

35°C
Dom

30°C
Lun

30°C
Mar

31°C
© 2016 MONTERENZIOIN.IT, TUTTI I DIRITTI RISERVATI - BY MARCO ATTI - CREDITI E RINGRAZIAMENTI - Privacy Policy

logo